Non mi serve un consulente perché non ho soldi

Uno dei motivi più comuni che spinge le persone a non contattare un consulente finanziario è questo ragionamento qua.

 

Non mi serve un consulente perché non ho soldi.

 

Se anche tu ti trovi d’accordo con la frase che ho scritto sopra, la storia di Gianni potrebbe farti vedere le cose sotto un diversa prospettiva.

 

E’ la storia di un uomo comune che si ribella alla condizione che gli ha imposto il sistema e decide di alzare la testa e prendersi quello che merita.

Il tipo di storia che mi piace raccontare.

braveheart_a_p

Gianni è un artigiano di 42 anni, è sposato e ha un figlio di 15 mesi.

Eh si.. noi che abbiamo bambini piccoli siamo abituati a calcolare l’età dei nostri bimbi in mesi. Ce lo hanno inculcato i pediatri 😀

 

Gianni ha sempre fatto una vita normale, non è né povero né ricco, è la classica persona della mia generazione.

  • Una famiglia che può permettersi di affrontare le spese quotidiane senza sgarrare troppo
  • Qualche rata di finanziamento da pagare
  • Un lavoro che sa fare bene, che gli permette di portare il pane in tavola, ma che non è più così SICURO come negli anni ‘90
  • ZERO risparmi personali, salvo un magro conto corrente con cui affronta le spese che si presentano mano a mano.

tasche vuote

 

Gianni è L’EROE dei nostri tempi.

 

Gianni non lo sa; ma ha una caratteristica che lo rende una persona fuori dal comune, anche se si trova in una situazione piuttosto ordinaria.

 

Da quando è nato suo figlio Matteo ha iniziato a pensare al futuro in modo diverso.

 

Siamo sempre tutti molto concentrati sul presente o sul futuro prossimo… facciamo umanamente fatica a ragionare in termini di decenni, per due ordini di motivi

  • Abbiamo molte cose a cui badare ogni giorno ed è molto difficile “alzare lo sguardo” verso il futuro
  • Siamo tutti un po’ scaramantici e ci sembra quasi che fare un programma di lungo periodo porti quasi sfortuna. (Porta sfiga, come diciamo al bar)

 

In questo contesto, il consulente finanziario che ci invita a ragionare in termini di “lungo periodo” suona simpatico come una lettera dell’Agenzia Entrate.

 

I nostri nonni erano meno in difficoltà a ragionare sul futuro. La nostra generazione invece è stata abituata a pensare così: “Voglio tutto subito, poi si vedrà, tanto saremo o morti o vecchi”

Tuttavia negli anni ho incontrato centinaia di risparmiatori ed ho imparato che c’è un evento che smuove CHIUNQUE dalla avversione a pensare al futuro.

LA NASCITA DI UN FIGLIO.

 

Anche io, che sono davvero un amante incallito delle soddisfazioni immediate, quando ho avuto il mio primo figlio (Pietro) ho iniziato a prendermi qualche responsabilità in più.

 

Mi figlio non ha ancora 5 anni ma non passa giorno in cui non parliamo di cosa vorrà fare da grande, dove gli piacerebbe abitare etc…

 

Ti assicuro che parlare con un bambino di 5 anni del SUO lavoro futuro è davvero ragionare sul lunghissimo termine, con i chiari di luna che ci sono 😀

 

L’occasione in cui ho conosciuto Gianni l’ha creata proprio la nascita di suo figlio.

 

Mi ha chiamato, dopo avere letto un mio articolo sul risparmio periodico, e mi ha detto così:

“Scusa se ti disturbo Fabrizio. Io non ho un centesimo da investire. Però mi è nato da poco un bimbo e mi piacerebbe iniziare a mettere da parte qualcosa per quando sarà cresciuto. Ci ho provato da solo ma è davvero difficile. Tutto quello che guadagno lo spendiamo”

 

MUSICA PER LE MIE ORECCHIE di spendaccione seriale pentito.

 

Purtroppo, quando abbiamo analizzato insieme la sua situazione, è emerso che il reddito attuale bastava appena per coprire le spese correnti (compreso qualche giorno di vacanza ogni anno) e che c’era davvero poco spazio di manovra.

 

Cosa fa un consulente finanziario agguerrito quando incontra un potenziale risparmiatore che non ha risparmi da gestire?

Semplice, LI CREA!

keep-calm-im-a-financial-advisor-1

 

A volte tendo a farmi prendere un po’ la mano 😀 No no… non ti sto dicendo che posso creare il denaro dal nulla… Non sono RE MIDA (purtroppo), quindi lascia che ti spieghi meglio.

 

Gianni ed io abbiamo sgobbato come due negri incatenati scartabellando fra spese fisse, bollette, ricariche del cellulare, recuperi fiscali, rate di finanziamenti, clienti che non lo pagavano da tempo.

 

ABBIAMO INSERITO TUTTI I DATI IN UN FILE SPECIALE, che ho creato con il mio team, e abbiamo iniziato a lavorare ai fianchi la situazione di Gianni.

 

Il primo passo è stato quello di accorpare i finanziamenti attuali in un unico debito ad un tasso inferiore, che abbiamo contrattato con la sua banca.

 

Ti svelo un segreto: le banche sono in una situazione molto particolare in questa fase storica e sono particolarmente benevole verso quei clienti che hanno sempre pagato le rate, pur tra difficoltà e sacrifici.

 

Quindi siamo riusciti a portare a casa un risparmio di 87 euro al mese senza allungare le scadenze.

 

In secondo luogo abbiamo combattuto una battaglia contro le bollette. Abbiamo trovato un paio di servizi piccolini che Gianni non utilizzava e abbiamo mandato le disdette.

 

Abbiamo recuperato altri 54 euro di risparmio mensile.

 

L’ultima guerra è stata con la bolletta della luce. Cambiando tipo di contratto con lo stesso fornitore ed ecco apparire altri 32 euro di risparmio (L’ho scoperto dopo due mesi perché non eravamo sicuri di avere lavorato bene su questo punto.)

Ora abbiamo una situazione del genere:

87 + 54 + 32 = 157€ di risparmio mensile.

SENZA RITOCCARE IL TENORE DI VITA DI UN CENTESIMO

 

Ti confermo che e’ possibile ricavare un risparmio periodico da qualsiasi situazione famigliare, ma occorrono due elementi.

  • La volontà di passare dalla categoria degli ETERNI POVERI a quella dei COSTRUTTORI DI PATRIMONI ( E questo elemento DEVI mettercelo tu)
  • L’appoggio di un professionista preparato che possieda gli strumenti giusti files, software di analisi etc.. con un metodo strategico testato (E questo posso farlo io)

 

Quelli che ti raccontano la favoletta che il consulente finanziario ti serve SOLO se sei un riccone che vuole tentare di speculare sui mercati finanziari per avidità NON STANNO parlando di consulenti finanziari.

 

Stanno parlando di un’altra categoria molto numerosa:

I promotori finanziari scappati di casa che giocano a fare gli indovini.

 

Non ti racconto nello specifico cosa stiamo facendo con i 150 euro al mese risparmiati da Gianni – ti dico solo che li sta accantonando per suo figlio Matteo e che ora Gianni sta dormendo molto più sereno –

 

Se hai capito che la storia di Gianni non è l’ennesima trovata pubblicitaria sui consulenti che giocano in borsa, contattami per scoprire se puoi fare la stessa cosa anche tu.

 

Scrivimi usando il form di contatto che trovi qua sotto. – E’ riservato e i tuoi dati non verranno mai pubblicati.

 

Bacio ai bimbi! Ciao!

 

FORM PER CONTATTARMI

 

Fabrizio Monge – Consulente Finanziario Consultinvest Investimenti Sim s.p.a.


Condividi con i tuoi amici! Share on Google+

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *