torre

Mps, Carige & co . I rischi per i risparmiatori.

 

Fabrizio Monge
Fabrizio Monge

 

Articolo di Fabrizio Monge – Consulente in Consultinvest Investimenti Sim Spa

Un nostro lettore ci chiede se sia prudente, per un risparmiatore, mantenere il proprio conto corrente presso una banca che negli ultimi anni è stata oggetto di varie traversie finanziarie .

Ovviamente non può essere data una risposta generale ma vale la pena di analizzare le varie situazioni che possono verirsi a creare per comprendere le tipologie di rischio ai quali è sottoposto un risparmiatore che si trovi in una situazione di questo tipo.

Conti Correnti:

I correntisti sono assistiti dal fondo di garanzia per la tutela dei depositi che copre la cifra di 100.000,00 € per ogni intestatario della posizione. Fino a tale soglia dunque interviene, in caso di insolvenza della banca, Il fondo di garanzia. Occorre specificare che è estremamente remota l’ipotesi che una banca di grandi dimensioni arrivi al fallimento; L’impatto che avrebbe su tutto il contesto economico, finanziario e sociale è tale da spingere le autorità che regolano il settore ad intervenire per gestire la situazione in anticipo.

La mia opinione personale e professionale è comunque quella di applicare una serie di regole prudenziali per evitare di venire coinvolti in una serie di rischi collegati ad un eventuale default della propria banca.

Queste regole vanno applicate a prescindere dall’ istituto di credito di cui si è cliente. Una procedura di intervento del fondo di garanzia richiede tempi tecnici di una certa durata.

La soluzione è sempre la stessa, noiosa, ripetuta ma sempre la migliore possibile: diversificazione; Anche quando si parla di conto corrente averne solo uno e depositare tutto lì non è una scelta saggia, dunque meglio avere sempre una seconda riserva su un altro istituto in modo da poter affrontare senza troppi disagi eventuali periodi di difficoltà a liquidare denaro.

Fondi, Etf e Gestioni Patrimoniali.

I fondi e le gestioni rappresentano un patrimonio giuridicamente separato dalla banca che li colloca, dalla società che gestisce e dalla banca depositaria.

Di conseguenza questi strumenti rappresentano, da questo punto di vista , gli strumenti più sicuri.Ovviamente per i fondi di investimento e per le gestioni individuali vanno compresi i rischi di mercato dello strumento.

Detta in parole povere, Un fondo azionario sarà rischioso in termini di volatilità, ovvero di variabilità dei prezzi, a prescindere dalla banca dalla quale è stato acquistato. Questo argomento rappresenta un tema diverso, da analizzare in base ai propri obiettivi ed alla propria tolleranza alla volatilità.

Il Dossier Titoli.

Il dossier titoli rappresenta l’argomento più complesso . I titoli presenti sul dossier sono di proprietà del cliente, non sono quindi soggetti alle sorti della banca. La situazione cambia a seconda di quali titoli il risparmiatore abbia sul dossier.

Per comodità distinguiamo quindi due ipotesi :

– A : Sul dossier sono depositati  Titoli di altre società:

Azioni ed obbligazioni di un’ altra società seguono le sorti del proprio emittente, non quelli della banca su cui sono depisitati ( ad esempio, se ho delle obbligazioni emesse da Enel depositate presso un dossier titoli in Carige, il mio credito è garantito da Enel, ed è quindi la solvibilità del gruppo neregetico da tenere d’occhio, non quello della banca. )

– B : Sul dossier sono depositati strumenti emessi dalla banca stessa.

In questo caso la solidità dei miei titoli è collegata alle vicissitudini della mia banca. In particolare:

– Azioni della banca : Sono la tipologia di titoli soggetti al rischio maggiore. Se ho questititoli sono soggetto al rischio di impresa, in qualità di socio. In caso di default o di nazionalizzazione posso incorrere in perdite che possono arrivare alla somma investita.

– Obbligazioni Subordinate : L’argomento in questo caso è molto esteso, ne tratteremo più diffusamente. Qui ricordiamo che si tratta di un tipo di obbligazioni che offre si una garanzia, ma i creditori in caso di default della banca, vengono soddisfatti dopo che sono stati pagati tutti i possessori di obbligazioni Senior.

– Obbligazioni Senior: Sono la tipologia di obbligazioni più garantite, I possessori vengono soddisfatti, in caso di dafault della banca, per primi ( nei limiti del patriomonio della banca.)

Cosa Fare.

Come sempre occorre prendere esempio dalle situazioni più virtuose, ovvero da quello che fanno gli investitori più esperti epreparati, che nel tempo hanno avuto i migliori risultati nella gestione del proprio patrimonio.

– Se sono poco patrimonializzato ed il mio denaro mi serve per “fare il giro del mese” consiglio sempre la situazione più semplice : Metto i miei pochi soldi su un conto corrente in una banca solida e penso a come accumularne altri, senza avventurarmi in situazioni che non potrei gestire.

– Se ho dei risparmi ” da parte ” non è una scelta saggia mantenerli tutti sul conto corrente, è importante ottenere sia una redditività per integrare il reddito, che proteggere il patrimonio dall’ inflazione, viceversa il mio capitale nel tempo si svaluterà e non manterrà il potere di acquisto.

In questo caso il mio consiglio è quello di trovare un buon consulente che mi assista nelle scelte di investimento. Non sto facendo pubblicità alla mia categoria, ce ne sono anche nel mondo bancario e nel modo dei consulenti indipendenti. Nel rapporto con un buon consulente a fare la differenza è la persona, è quindi opportuno trovare un consulente preparato ed onesto, non cercarne uno che mi dia sempre ragione e mi prometta quello che voglio sentirmi dire.

 

Vuoi Ricevere maggiori informazioni su questo argomento?

Compila il modulo sottostante con i tuoi dati e sarà nostra cura fornirti la consulenza necessaria a gestire al meglio le tue problematiche.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetto le condizioni di privacy del sito

I Tuoi dati non verranno pubblicati e saranno trattati con estrema riservatezza.

 

 

 

 


Condividi con i tuoi amici! Share on Google+

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *