È la fine del segreto bancario in Svizzera? Qualche mia perplessita’.

Secondo quanto dichiarato dal direttore del centro di politica e  amministrazione fiscale dell’ OCSE Pascal Saint-Amans il segreto bancario in territorio elvetico ha le ore contate .

É stato infatti siglato l’ accordo di scambio di informazioni finanziarie su base annua fra i governi di 47 Paesi, 34 memri OCSE e13 Partners associati tra cui, appumto la Svizzera.

In pratica se prima le informazioni finanziarie sui correntisti veniva ancora concesso in alcuni paesi, tra cui Svizzera e Singapore, solamente su richiesta dell’ autorità giudiziaria e a determinate stringenti  condizioni, oggi lo scambio di informazioni diventerebbe automatico.

Le banche dei paesi firmatari avranno un anno di tempo per adeguare le procedure.

La maggior parte dei paesi che hanno firmato l’ intesa si erano già impegnati a realizzare l’ accordo ma altri, tra cui la Svizzera e Singapore, non lo avevano ancora dato per certo.

Molti, in buona fede, festeggiano. Le ragioni sono da ricercare nella maggiore facilità da parte delle amministrazioni di perseguire determinati reati.
Da parte mia, grossa perplessità .

image

Non va dimenticato che il segreto bancario è anche un baluardo a difesa della proprietà privata individuale, a volte magari anche ottenuta in maniera illecita ma molto più spesso, anche se sommessamente e senza clamore, il motore dell’ economia e del benessere personale.

Prima di festeggiare ricordiamoci come gli Stati spendono in maniera spesso discutibile i denari che sottraggono a chi se li è sudati. E magari facciamo mente locale a quante volte nella storia si sono resi protagonisti di persecuzioni arbitrarie dei diritti individuali.

In pratica lo scambio di informazioni, se da un lato può aiutare a perseguire i crimini, dall’ altro può essere l’ ennesimo sistema per perseguitare la proprietà privata .

Fabrizio Monge.
Promotore Finaziario – Savigliano.


Condividi con i tuoi amici! Share on Google+

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *