ombrello

Come recuperare le perdite in borsa.

“Ho acquistato delle azioni mediobanca ad un prezzo elevato, ora mi trovo in perdita e vorrei sapere quali strategie posso adottare per recuperare le perdite senza espormi oltre a nuovi rischi” questa domanda mi è stata posta circa un mese fa da un lettore del blog e dato che il tema delle strategie per il  recupero delle perdite mi è stato recentemente richiesto da più persone ho deciso di riportare il tema sul blog.

Se vuoi richiedere anche tu una informazione specifica puoi cliccare qui e compilare il modello. Le informazioni che richiedo nel modulo sono fondamentali. non sono assolutamente sufficienti per fare una analisi dettagliata ma permettono di dire meno stupidaggini possibili.

Domanda :

Sono D.F. vivo a Savigliano e ho letto ogni tanto il suo blog. Ho 45 anni e sono sposato con due figli di 3 e 5 anni. Ho acquistato 2200 azioni Mediobanca a 15,13€ il 23nov 2007 poi mediate a 8,11 il 12 dicembre 2008 . Oggi (3 gennaio 2014) le mie azioni valgono 28.072,00 con una perdita di circa 23.000,00€ Esistono strategie per recuperare le perdite in borsa senza espormi a rischi ulteriori ? Grazie.

Intanto ti ringrazio per il tema interessante e molto richiesto.

Purtroppo chi conosce il mio modo di lavorare sa che non mi piace fare previsioni e che i nostri portafogli sono sempre progettati sull’ orizzonte temporale e il profilo del cliente e per funzionare il più possibile in qualsiasi situazione di mercato.

Se mi trovo tuttavia ad intervenire in un caso simile in cui le scelte di portafoglio sono già state fatte e viene posta l’esigenza specifica di recuperare le perdite di borsa su un titolo specifico mi metto il cappello da ingegnere e  posso utilizzare un metodo che trovo molto efficace.

mediobanca

 

Nota per i critici in ascolto : questo è il metodo che ho consigliato al mio cliente nella sua situazione perchè era il più adatto. So che ce ne sono altri e so che questo metodo ha delle controindicazioni ( nel caso specifico trascurabili ). per le controindicazioni leggete fino alla fine.   Il metodo che analizziamo oggi prevede l’utilizzo di titoli a reddito fisso ( delle obbligazioni senior o dei btp ad esempio ) e delle opzioni .

 

Versione semplice del metodo descritto per recuperare le perdite in borsa.

Vendo i titoli che ho in perdita e ricavo ad esempio per semplicità 30.000,00€

Acquisto un titolo obbligazionario con una scadenza ad esempio 4 anni .

Faccio il calcolo di quanto saranno gli interessi del titolo fino a scadenza . ad esempio il 3% x 4 anni = 12%

Acquisto una opzione call per il 12% del capitale 30.000,00 x 12% = 3600€ con una leva ad esempio 8

Detta ancora più semplice compro delle opzioni call con gli interessi del titolo obbligazionario che ho acquistato

Ora, le opzioni ( e per sceglierla o fai un bel corso o contatti me o un altro addetto ai lavori ) restituiscono la performance del titolo scelto amplificato n volte ( in base alla leva).

In questo caso 8 volte quindi come se avessi ancora in portafoglio i miei 30.000,00 di Unicredit. Quindi se il titolo Mediobanca continua a scendere alla scadenza della obbligazione ( dopo 4 anni ) mi porterò a casa solo i 30.000,00 originali senza avere perso altri soldi, se il titolo sale ho delle possibilità di recupero molto simili a cosa sarebbe successo se avessi tenuto direttamente i titoli.

Rappresentazione grafica:

strutturata bull 5 anni

Ora ritorno a fare il mio mestiere: Prima di fare questa operazione devi valutare bene se la tua situazione patrimoniale, legata alla tua situazione personale e famigliare ( mi viene in mente che i bambini spesso comportano spese improvvise, che potresti avere un muto, che magari sei un autonomo e il tuo reddito può avere alti e bassi che devi valutare bene ) è adatta a questo tipo di rischio. se non lo è vendi tutto, e rifai da zero il tuo portafoglio facendoti assistere da un Financial Planner . ( io o un altro ma bravo che se becchi un cretino rimani messo peggio di prima )

 

Quali controindicazioni DELLA STRATEGIA E SOPRATTUTTO DEL FAI DA TE:

– La leva è difficile da stimare e cambia nel tempo quindi il portafoglio replicherà l’andamento del titolo in modo spannometrico.

– La parte obbligazionaria sarebbe meglio non concentrarla su un unico titolo per non esporsi al rischio di dafault

– L’opzione è poco efficiente nel caso di variazioni lievi quindi un + 2% potrebbe non provocare alcun guadagno.

 

Per esempio la Sim con la quale lavoro tramite la sua SGR costruisce  delle GESTIONI PATRIMONIALI  che funzionano con questo schema ma molto più efficienti perchè può scegliere i titoli in modo scientifico e gestire anche eventuali rischi che sorgano successivamente.

Se vuoi maggiori informazioni telefonami o scrivimi ai numeri che trovi sotto.

Se volete ricevere gratis gli aggiornamenti del sito registratevi  alla newsletter cliccando qui.

Se ti è piaciuto l’articolo puoi condividerlo su Facebook o inviarlo ai vostri amici.

 

Fabrizio Monge- Promotore Finanziario – Via Mazzini 11 – Monasterolo di Savigliano – CN

346.010.958.9 – fabrizio.monge@gmail.com


Condividi con i tuoi amici! Share on Google+

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *