Vuoi smettere di preoccuparti per i cali della Borsa? la soluzione c’e’…

Una delle più grandi scoperte nel settore degli investimenti è stato il DCA ( acronimo che significa Dollar Cost Average )

Il dollar cost average è una tecnica che consiste nell’ investire su un determinato mercato, la medesima cifra ad intervalli regolari.

Viene spesso chiamato in modo parziamente errato PAC (Piano di accumulo del capitale); la confusione sta nel fatto che questa metodologia può essere utilizzata effettivamente per accumulare nuovi capitali dai risparmi mensili – in questo caso è corretta la definizione di P.A.C. – ma è efficacissima anche per gestire in modo intelligente una ricchezza già accumulata, come metodo per entrare in modo scientifico sui mercati più volatili quali i mercati azionari o obbligazionari ad alto rendimento.

Supponiamo di avere intenzione di investire in un fondo specializzato, ad esempio, sulla borsa americana.

Uno dei rischi più grandi quando si sceglie di investire è quello di aquistare in un picco di mercato, in un momento in cui il mercato è ai massimi

La natura umana è estremamente portata per concentrare gli investimenti nei momenti peggiori, ovvero quando un mercato ha avuto degli ottimi risultati negli anni passati e si è portati a credere che quel mercato sia destinato a performare bene in eterno.

Questo grafico pubblicato da wallstreetitalia.com rende molto bene l’idea…

EMOZIONI
Ciclo emotivo dell’ investitore – Fonte www.wallstreetitalia.com

 

Quando mi preparo ad investire ho di fatto due alternative:

1) investo e spero vada bene
2) utilizzo il metodo del dollar cost average.

 

Partiamo dal presupposto che l’unica cosa certa sui mercati finanziari è che non si muovono in modo lineare, nè quando scendono nè quando salgono!

Un esempio può rendere molto chiaro il concetto.

dow_calo e crescita

Ora proviamo ad effettuare i calcoli su tre ipotesi tipiche:

– Mercato al rialzo
– Mercato laterale ( va su e giù e poi torna al punto di partenza.)
– Mercato al ribasso

 

Mercato in rialzo.

valore quota1

Importo Investito Valore quota Quote acquistate
1000 12 83,33
1000 16 62,50
1000 20 50,00
1000 16 62,50
1000 18 55,56
1000 20 50,00
1000 22 45,45
1000 18 55,56
1000 20 50,00
1000 22 45,45
10000 560,30

Quote acquistate totali : 560,30

Moltipicato per valore quota finale : 22€

Valore finale del mio investimento: 12327,77€

In questo caso il mercato in cui ho investito è andato bene, quindi avrei guadagnato in ogni caso.

 

Mercato Laterale

Vediamo ora una ipotesi di mercato laterale, ovvero un mercato che dopo avere oscillato torna al punto esatto in cui era partito.

valore quota2

Importo Investito Valore quota Quote acquistate
1000 12 83,33
1000 14 71,43
1000 10 100,00
1000 8 125,00
1000 8 125,00
1000 10 100,00
1000 14 71,43
1000 10 100,00
1000 8 125,00
1000 12 83,33
10000 984,52

 

Quote acquistate totali : 984,52

Moltipicato per valore quota finale : 12€

Valore finale del mio investimento: 11814,28€

Come abbiamo potuto vedere il metodo mi ha permesso di ottenere profitti da un mercato che non ha fatto alcuna performance.

 

Mercato in calo

Il caso più interessante, in cui il DCA consente di ottenere i migliori risultati è tuttavia quello del mercato in calo, quello in cui si perdono i soldi.

valore quota3

Importo Investito Valore quota Quote acquistate
1000 12 83,33
1000 8 125,00
1000 4 250,00
1000 8 125,00
1000 6 166,67
1000 4 250,00
1000 2 500,00
1000 6 166,67
1000 4 250,00
1000 6 166,67
10000 2083,33

Quote acquistate totali : 2083,33

Moltipicato per valore quota finale : 6€

Valore finale del mio investimento: 12500,00€

In questo caso il risultato è sorprendente, investendo in un mercato o in un fondo che ha perso il 50% ho portato a casa un utile del 23%!

5 Accorgimenti Fondamentali

Ci sono degli accorgimenti di cui devi tenere conto quando utilizzi questo strumento.

– 1 ) Non è uno strumento garantito alla scadenza, anche perchè il suo punto di forza è che non esiste una scadenza.

Il sistema va monitorato ed una scelta che potrebbe essere azzeccata, se non ami il brivido, è sfruttare una delle occasioni in cui ti troverai in forte utile per consolidare il risulato e ricominciare da zero.

– 2 ) Il Dollar Cost Average funziona con un orizzonte di medio periodo ( almeno 5 anni ).

Se pensi di avere bisogno dei tuoi soldi fra sei mesi non ti conviene impiegarli in una strutturazione di questo genere.

– 3) I momenti in cui stai facend i migliori affari sono quelli in cui le quote del fondo che stai acquistando valgono meno.

In quelle fasi se vai a verificare il valore del tuo investimento ti troverai in perdita, magari anche notevole. Non farti prendere dal panico e ricorda che è esattamente per questo scopo che hai iniziato il Piano di investimento; se avessimo pensato che il mercato sarebbe sempre salito avremmo investito tutto subito, quindi tieni duro e pansa a quando andrai a monetizzare l’ investimento.

– 4) Molti consulenti fanno utilizzare ai loro clienti il sistema del DCA solo per i Piani di accumulo.

Il motore è il medesimo ma lo strumento del Dollar Cost average funziona benissimo anche nei casi in cui il denaro è già stato accumulato: devi mettere la somma su un fondo prudente o su un conto di liquidità da usare come serbatoio e ordinare alla banca o alla Sim di investire sul fondo azionario ( il vero obiettivo) una cifra costante ogni mese prelevandola dal ” serbatoio “.

– 5) Si può utilizzare il Dollar Cost Average sia nella forma di passsaggio automatico ( vedi punto 4) che nel caso di piani di accumulo anche con i fondi obbligazionari e bilanciati.

Ovviamente il sistema è più efficiente con volatilità ( variazione dei prezzi ) elevata, quindi è l’ideale per entrare su un fondo azionario. Tuttavia può essere impiegato in modo potente ed interessante anche con fondi obbligazionari, specialmente nelle categorie ad alto rendimento, Io ad esempio, ho da poco iniziato un DCA su un fondo obbligazionario che investe sui paesi emergenti che in questo periodo stanno prendendo ( e presumibilmente prenderanno ancora ) sonore batoste.

 

Ovviamente per utilizzare con profitto il il Dollar Cost Average sia nella forma di passsaggio automatico che nel caso di piani di accumulo, sarebbe opportuno poter contare su un consulente che ci affianchi sia nella scelta del fondo su cui effettuare l’ operazione in base alle tue caratterisctiche personali ed economiche, che nella gestione del contratto nel tempo.

Se Vuoi conoscere quali strumenti ho a disposizione per progettare il tuo investimento basato sul motore del Dollar Cost Average non esitare a chiamarmi .

Ciao, Buon investimento e ricordati di condividere con gli amici questo articolo se lo hai trovato interessante.

 

04.02.2014

Fabrizio Monge

Promotore FinanziarioVia Mazzini 11 – Monasterolo di Savigliano – CN – Tel 346.010.958.9 – mail fabrizio.monge@gmail.com

Vuoi ricevere gratuitamente gli approfondimenti su questo argomento in tutta comodità sulla tua Email ?

Compila il modulo con i tuoi dati e clicca su INVIA.

I tuoi dati verranno trattati con la massima riservatezza.

 

 


Condividi con i tuoi amici! Share on Google+

6 thoughts on “Vuoi smettere di preoccuparti per i cali della Borsa? la soluzione c’e’…

  1. Interessante. Ho sentito anche di un PAC utilizzando non una somma prefissata periodica, ma un incremento percentuale prefissato, in base al quale acquistare il corrispondente numero di quote.
    Sarebbe utile parlarne.
    Grazie. Piero.

    1. Buongiorno Piero, grazie per lo spunto.

      Tra le varianti del classico sistema del dollar cost average esiste una metodologia che corrisponde a quanto tu suggerisci.
      Si tratta, in sostanza, di fissare una data percentuale di ribasso dell’ indice o del fondo di riferimento alla quale corrisponde, ad esempio, il raddoppio del versamento.
      Ad esempio posso stabilire che ad un ribasso del 5% rispetto al valore di riferimento del fondo, il mio piano di versamenti o di switch passi da 1000,00 euro mensili a 2000,00 euro mensili.

      Ci sono vantaggi ( si massimizza l’effetto dell’ averaging) e svantaggi( maggiore volatilità storica e importi versati potenzialmente fuori controllo)

      Essendo un tema molto interessante dedicherò un post sul blog prossimamente, riportando il backtest (Il test su dati reali del passato) per capirne bene le caratteristiche e le implicazioni.

      Grazie e buona giornata. Ti invito ad iscriverti alla newsletter gratuita per restare informato in tempo reale sulle novità dal nostro portale e a continuare a leggerci e commentarci.

      Fabrizio Monge – Consulente finanziario.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *